Salute
Ambiente
Sport
Società
Beni culturali
Patrimoni edilizi
Imprese
Economia
Scuola
Università
Turismo Enogastronomia Virtual
Poleis
Innovazione
Tecnologica
 
 ambiente turismo    NOTIZIE O Line

Continua il fascino del mercato delle Gaite

A Bevagna la rievocazione storica per le vie del borgo degli antichi mestieri medievali, ossia cartari, ceraioli, tessitori e dipintori, continua tutto l’anno. All’interno delle suggestive botteghe medievali del centro storico, maestri dell’arte ed espert


Un tuffo nel passato alla scoperta delle antiche tradizioni artigiane medievali.
A Bevagna continua tutto l’anno il fascino del mercato delle Gaite, la rievocazione storica per le vie del borgo, che ogni anno richiama centinaia di curiosi e appassionati. Ogni giorno all’interno delle suggestive botteghe medievali del centro storico, maestri dell’arte ed esperti artigiani svelano i segreti degli Antichi Mestieri Medievali: cartari, ceraioli, tessitori e dipintori mostrano le fasi e gli strumenti di lavoro della loro produzione. Visite guidate e laboratori permettono ad un pubblico di ogni età di assaporare, conoscere e sperimentare i segreti dell’arte medievale.

La Cartiera è il luogo di produzione della “carta bambagina”, realizzata con polpa derivata dagli stracci. La selezione, la macerazione e la riduzione a poltiglia dei tessuti, l’asciugatura, la collatura e la calandratura finale sono le fasi di lavoro che permettono di creare il foglio di carta.

Il Setificio permette di comprendere il ciclo di produzione della seta, dall’allevamento dei bachi sulle foglie di gelso alla trattura dei bozzoli, fino alla torcitura del filo tramite la grande macchina del “torcitoio”.

La Cereria è l’antico laboratorio dove si producono candele in pura cera d’api: la cera viene sciolta in caldaie di rame per essere poi colata su stoppini di canapa. Lentamente la candela prende forma e attraverso un’abile torsione si ottiene il “duplero”, singolare manufatto caratterizzato da doppia fiamma e doppia durata.

Nella bottega del Dipintore si sperimentano le fasi della tempera su tavola, tecnica di pittura in cui si utilizzano pigmenti in polvere legati insieme da una sostanza proteica di origine animale: il tuorlo d’uovo.



Orario:
28 marzo – 1 novembre 2009
10.30-12.30/15.30-18.00
Chiuso il lunedì
Nel periodo invernale visite e laboratori solo su prenotazione

Informazioni e biglietteria:
Museo Comunale di Bevagna
Corso Matteotti 70, Bevagna (PG)
Tel e fax 0742.360031
bevagna@sistemamuseo.it

www.sistemamuseo.it
www.comune.bevagna.pg.it
www.ilmercatodellegaite.it


(28-12-2009 07:22)



 
[ stampa ]    [ archivio ]  [ home ]

Un Castello all'orizzonte di Postigliano

L'arte invade il porto di Marina di Scarlino

"La rana gracida", la storia del partigiano Renato Masi arriva a San Lorenzo a Merse

Notte europea dei musei nelle Terre di Siena, ventisei sedi da visitare sotto le stelle

"Arte nel buio", a Siena due appuntamenti per vedenti e non vedenti

Tano Pisano per Marco Pantani

L'Umbria in Tavola al Bosco di San Francesco

Stefano Bollani e Piergiorgio Odifreddi per gli “Scaffali d’autore”

Sinalunga celebra la Liberazione con la prima Settimana Resistente

L’Umbria dei festivals al FuoriSalone

“La tempesta perfetta” incombe su Siena

Pavimenti pugliesi nella mostra di Giuseppe Restano

Poesia contemporanea, se ne parla con Antonio Prete

Siena sfida la crisi, visitala con 10 euro

8 marzo, musei in rosa per un weekend speciale

Spello, al via da oggi il “Festival del Cinema”

Foligno e Ascoli insieme per un progetto di pace

Aperto all’Aeroporto di Fiumicino un nuovo Ferrari Spazio Bollicine

E78 Fano-Grosseto, ecco il nuovo progetto

 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 28-12-2009 alle :